Author: Esteban Carbonell O´Brien

Lima (1970) Dottore e Magistrato in Diritto Costituzionale presso l’Università di Castilla La Mancha, Spagna. Magistrato in Giustizia Costituzionale presso l’Università di Bologna, Italia. Master in diritto processuale presso l’Università di Salamanca, Spagna. Dottorando in giurisprudenza presso l’Università di Mendoza, Argentina. Autore di 18 libri di diritto fallimentare, diritto dei consumatori, arbitrato e diritto sportivo. Socio fondatore di Carbonell O’Brien Lawyers:www.carbonell-law.org e Presidente dell’Associazione Iberoamericana di Diritto dello Sport del Perù: www.aidd.org.pe

Pubblicato da Winter – Dávila & Associés in Paris, a Parigi, il 21 gennaio 2022.

Desiderate una consulenza legale in materia di diritto sportivo? Non esitate a contattarci!

🇪🇸 Versión en Español
🇫🇷 Version Française
🇬🇧 English Version
                                                                                 

Sono i primi giorni di gennaio dell’anno 2022 e il famoso tennista serbo Novak Djokovicnon è in grado di difendere la sua corona nella nuova versione dell’Australian Open. L’attuale numero uno del mondo e nove volte campione del primo Grande Slam del miglior circuito tennistico mondiale è arrivato a Melbourne, con un’autorizzazione medica che, a prima vista, lo esonerava dal vaccinarsi contro il Covid-19 -spesso -citato mortale pandemico- tuttavia le proprie convinzioni si trovavano di fronte a un altissimo e solido recinto costituito da una ferrea condizione sanitaria del paese oceanico, orientato per chiunque avesse intenzione di entrare nei confini della sua sovranità.

La recente controversia è iniziata quando il governo australiano ha impedito l’ingresso legale del tennista nel suddetto Paese per non aver rispettato i requisiti di ingresso, fondamentalmente di natura sanitaria, che ne hanno comportato l’immediato arresto e l’internamento in un centro di detenzione. Tuttavia, questa decisione improvvisa è stata bruscamente annullata da una decisione del tribunale che ne ordinava il rilascio immediato. Un copione a parte è che nessuno si aspettava – dopo l’analisi e con il passare dei giorni in merito al caso in questione – la comparsa di gravi contraddizioni del tennista contenute nella presentazione delle informazioni e della documentazione necessaria per ottenere il visto. L’atto di espulsione è stato, a nostro avviso, conseguenza della presenza di una possibile insicurezza sanitaria nel Paese di accoglienza.

Foto: goalzz.com

A titolo di premessa, si segnala che a giugno 2020 il tennista è risultato positivo e questo è stato il primo allarme sanitario nella salute dell’atleta. Nulla faceva presagire che non avrebbe più contratto il virus. In base a questo dilemma, aggiunto all’evoluzione epidemiologica globale, le autorità del paese ospitante hanno ordinato a tutti gli atleti di trascorrere una quarantena obbligatoria di 14 giorni nei rispettivi hotel, prima dell’inizio della competizione. Il tennista ha accresciuto i sospetti affermando di essere contrario al vaccino, considerato un aperto disprezzo delle norme sanitarie, soprattutto se il “salvacondotto” medico che avrebbe consentito il suo ingresso fosse stato concesso da un’autorità esterna al governo australiano.

Successivamente, nel dicembre 2021, il suddetto tennista è risultato nuovamente positivo al virus Covid-19 e ha difeso la sua posizione di presenziare ad eventi aperti al pubblico, rilevando che i test erano stati effettuati prima del suo contagio, e che questi erano negativi, cosa che in pratica conferma la sua mancanza di rispetto per la collettività in materia di salute, poiché a nostro avviso l’interesse comune dovrebbe prevalere sull’individuo e, di conseguenza, un interesse pubblico. Anche dalle sue stesse dichiarazioni pubbliche, ha lasciato intendere che non si sarebbe recato in Australia, lasciando aperta la sua partecipazione al tennis fino ad allora sospesa.

Quella che inizialmente sarebbe stata una singolare assenza nel torneo, a inizio gennaio 2022 il suddetto atleta annunciò ufficialmente che avrebbe partecipato ma portando sottobraccio e a protezione un’esenzione medica. Comprensibilmente, le autorità australiane hanno preso precauzioni e agito con cautela, poiché nutrivano seri e, a nostro avviso, ragionevoli dubbi sulle ragioni mediche che esentavano dalla vaccinazione il suddetto tennista. Ciò, alla lunga, provocò non solo l’arresto e la detenzione dell’atleta, ma cosa ancora più grave, la sua immediata deportazione dal Paese.

Di fronte al diniego del visto e, quindi, all’improvvisa partenza e abbandono del Paese, è stato avviato un piano legale che è partito con una richiesta dei suoi legali davanti a un Tribunale Federale, al fine di consentirgli di rimanere nel Paese e quindi di conseguenza , la loro legittima partecipazione al concorso. La difesa legale ha indicato che la tennista ha ricevuto l’esenzione medica per aver contratto il covid-19 nel dicembre 2021 e che era tutelata dall’Australian Tennis Federation e supportata da un panel di esperti indipendenti. Successivamente l’Autorità Giudiziaria dispone l’immediato rilascio del tennista, la restituzione dei documenti personali e il pagamento delle spese e delle spese legali.

Tuttavia, le versioni del tennista in merito ai suoi atti pubblici hanno generato sfiducia, soprattutto perché la violazione del periodo di quarantena -14 giorni di isolamento- è stata considerata una grave infrazione alle leggi di confine. Giorni dopo, il governo australiano ha deciso di cancellare il nuovo visto del tennista e ad un passo dall’espulsione. L’ultimo salvavita, però, è stato quello di pervenire a una nuova richiesta a un tribunale giudiziario, per poter rimanere sul suolo australiano e poter partecipare validamente al primo grande slam dell’anno. Infine, un giorno prima dell’inizio della manifestazione sportiva, il tribunale conferma per la seconda volta il diniego del visto e l’espulsione del tennista.

Da quanto sopra, in questo scenario ci troviamo di fronte alla figura della portata del concetto di sovranità considerato questo, come un potere politico supremo che corrisponde ad un Paese indipendente, senza ingerenze di alcun tipo, e come è noto, l’Australia è non è estraneo a lei. Dal punto di vista politico, la sovranità è considerata oggettivamente come l’autorità suprema che ha il potere ultimo e inappellabile di governabilità. In quell’ordine di idee ci chiediamo se nel caso in questione debba prevalere un concetto globale di salute, o se, al contrario, ogni nazione debba affrontare una crisi sanitaria in maniera isolata e sovrana. In un giusto mezzo, entrambi gli scenari meritano di interagire ma l’interesse pubblico deve prevalere, cioè in un dialogo molto ampio e aperto.

In quell’ordine di idee, il mondo deve ruotare attorno a un’organizzazione politica nazionale. Pertanto, a nostro avviso, l’unico modo per risolvere questo paradosso è attraverso un’azione comune, che orienta l’obiettivo dei paesi a condividere l’obiettivo della sovranità ma avendo cura dei loro confini geografici. quindi, ilInteresse pubblico, interesse generale o interesse nazionale è la denominazione di un concetto essenziale di scienza politica con espressioni molto diverse, ma si identifica con il bene comune dell’intera società, intesa come corpo sociale, e non tanto con l’interesse dello Stato stesso stesso.

In sostanza, l’espressione suddetta è usata per riflettere l’idea che lo scopo dell’azione dello Stato, o delle istituzioni di una comunità politicamente organizzata, debba essere il bene (felicità, interesse, utilità o beneficio) di tutti i cittadini (il totalità di quelli che compongono una nazione). La difesa degli interessi nazionali è lo scopo dichiarato dell’azione estera degli Stati.

In questa interpretazione, la proposta di interesse pubblico presuppone che sarà possibile trovare un consenso generale che consenta una politica, un’azione o una proposta di beneficio per tutti. Ma in realtà, non tutte le controversie sono risolvibili in una situazione win-win, almeno alcuni conflitti sono un gioco a somma zero.

Una possibile soluzione – almeno in linea di principio – a un simile problema potrebbe essere il tentativo di risarcire i “perdenti”. (vedi, ad esempio, il “criterio Scitovsky” in Benessere ed efficienza).

Tuttavia, non è sempre chiaro chi siano i perdenti. Inoltre, anche quando si sa chi sono, non è sempre possibile determinare quali sarebbero i livelli di compensazione adeguati. Ad esempio, ci sono gruppi che non sono in grado di articolare i propri interessi in modo sistematico o addirittura mancano di un’adeguata rappresentanza, come fa parte del caso in questione. Ciò è particolarmente vero quando i danni sono indiretti o generali, come nel caso del danno patrimoniale e della protezione dell’ambiente.

Questa critica è particolarmente applicabile a coloro che suggeriscono che il bene comune è soddisfacibile dalle forze di mercato, ad esempio i sostenitori della globalizzazionenon regolato.

Inoltre – e in relazione alla concezione “economista” dell’interesse comune – come ha sottolineato John Rawls quando introduce una distinzione tra “The Good”, che è creare un mondo materiale migliore, e “The Just”, che crea le condizioni per una società libera e giusta, che permetta il perseguimento della virtù ma non prescriva come farlo o cosa si desideri esattamente. Dunque, il bene comune sarebbe il bene comune a ciascun cittadino, il bene di ciascuno dei cittadini, piuttosto che una concezione definita o concreta di ciò che costituisce il bene per ciascuno e per ciascuno.

Foto: eurosport.fr

Ultime conclusioni

In quest’ordine di quanto sinteticamente descritto e per ragioni di spazio, il presente lavoro intende solo essere un articolo di opinione, e in tal senso occorre segnalare che alcuni intenditori del campo sportivo distolgono lo sguardo e non osservano i dettagli in il caso di un tempo e, al contrario, cercano di arrivare a una ponderazione dei diritti fondamentali, poiché sottolineano che ci sarebbe uno scontro tra diritto alla salute e diritto alla salute. il diritto al lavoro o al libero transito, o anche alla legittima pratica di attività sportive.

Pensiamo che la questione potrebbe essere risolta in un modo ancora più semplice. Il nocciolo del problema risiede nell’assistenza sanitaria dei cittadini, un prodotto del numero crescente di persone contagiate dal Covid-19 nel mondo. Poi, per buon senso, forse non è bastato che l’atleta – vista la ferma convinzione di non essere vaccinato – certificasse con documenti attendibili rilasciati da un’autorità sanitaria riconosciuta dal Paese beneficiario del visto, di non essere contagiato, unitamente all’ottemperanza con isolamento prima della gara. . Tutto questo sembra essere un atto responsabile e rispetto per gli altri. Lo sport ispira solidarietà e questo, al contrario, non è stato osservato nella forte difesa legale dell’atleta, un aperto disprezzo per le politiche pubbliche del Paese ospitante. Ciò farà sì che altri adottino una posizione identica nel prossimo futuro.

Allora pensiamo -andando sulla sponda opposta- che anche prescindendo da un mandato legale, l’interesse pubblico deve prevalere su qualsiasi legge che vieti o imponga mandati, anzi, anche le leggi più severe non possono essere al di sopra della vita. , i bisogni e la piena realizzazione esistenziale dell’essere umano. Il diritto umano non deve essere interpretato o cadere nel relativismo giuridico che cerca di favorire un particolare interesse. L’interesse pubblico deve essere il filtro prioritario per privilegiare la dignità umana al di sopra di ogni cosa. La dignità umana è in gioco quando non si cerca il bene dell’uomo. Non è possibile manipolare la legge, quando essa deve essere strumento per il bene dell’uomo e non fine a se stessa. L’amore del prossimo è centrato sulla persona umana (Mc 2, 23-28)

Lo sport può perdere un atleta a causa di molteplici circostanze, anche estranee ad esso. Al contrario, l’atleta non dovrebbe abbandonare lo sport per una convinzione priva di buon senso, poiché vi ha dedicato il meglio della sua vita con affetto.

Se ti è piaciuto questo argomento di Diritto Sportivo, ti invitiamo a condividere l’articolo, commentarlo e anche a visitare il resto delle pubblicazioni nelle reti sociali e piattaforme di Winter – Dávila et Associés

Se desideri una consulenza legale non esitare a contattarci! (e-mail: contact@wdassocies.com)

Lingua originale dell’articolo: Spagnolo

This article was published by Winter – Dávila & Associés, an international law firm based in Paris, in France, represented by lawyers specialized in sports law, corporate law, arbitration and representation. 

Want to know more about Winter – Dávila & Associés? Click Here

Did you like the content? Share it on social networks!